FRANCO FONTANA. Colore

Info e download

Ufficio stampa

FRANCO FONTANA
Colore
a cura dello Studio Fontana
Brescia, Museo di Santa Giulia (via dei Musei 81/b)
8 marzo – 28 luglio 2024

 

Orari
martedì – domenica, 10.00 – 18.00
aperto 1° aprile 2024: lunedì dell’Angelo (Pasquetta)

 

Ingresso
Intero: 12€
Ridotto: 9€
Speciale: 8€ (under 26, disabili fino al 67%)
Gruppi: 8€
Scuole: 6€
Gratuito per tutti il primo giorno di mostra (8 marzo)
Prevendita: 1€

 

Catalogo
Skira Arte

 

Informazioni e prenotazioni
Fondazione Brescia Musei
tel. 030.2977833 – 834 | cup@bresciamusei.com

08.03.2024 28.07.2024

Brescia, Museo di Santa Giulia

Brescia celebra uno dei pionieri della fotografia a colori, attraverso una importante monografica che presenta 122 immagini, realizzate tra il 1961 e il 2017.

Il Museo di Santa Giulia a Brescia celebra, con una importante monografica, Franco Fontana (Modena, 1933), uno dei pionieri della fotografia a colori, in occasione del suo novantesimo compleanno.

 

La mostra, in programma dall’8 marzo al 28 luglio 2024, dal titolo Franco Fontana. Colore, curata dallo Studio Fontana, promossa dalla Fondazione Brescia Musei e co-prodotta con Skira Arte, presenterà 122 immagini realizzate tra il 1961 e il 2017.

La mostra è l’esito di un lungo e significativo lavoro di indagine e restauro sulle opere dell’artista, sia analogiche che digitali, che ha dato vita a un corpus di immagini importante capace di raccontare e testimoniare il lungo lavoro di Franco Fontana e del suo studio.

 

Franco Fontana. Colore è uno degli appuntamenti più attesi della VII edizione del Brescia Photo Festival, promosso da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con il Ma.Co.f – Centro della Fotografia Italiana, quest’anno declinato attorno al titolo Testimoni, un termine che sottolinea la capacità dei fotografi di documentare il presente favorendo la lettura della storia attraverso il racconto che ne fanno le immagini.

 

Partendo dall’assunto che, per Fontana, tutto è o diventa paesaggio, la rassegna documenta la ricerca del maestro emiliano esplorando temi come “paesaggio naturale”, “paesaggio urbano”, “presenza assenza”, “paesaggio umano”, “luce americana”, “frammenti”, “autostrade” e “asfalti”, attraverso un allestimento, curato da Top Tag, che conduce il visitatore verso una progressiva elevazione, iniziando con scene dense di umanità nella prima sezione e culminando in paesaggi “astratti” e naturali nella sezione finale.

 

Dalla fine degli anni cinquanta, Fontana inizia a lavorare col colore innescando un cambiamento radicale dalle norme stabilite della fotografia d’arte in bianco e nero, mettendo in discussione i codici di rappresentazione ereditati dal neorealismo e prestando attenzione alla componente estetica e alla ricerca della forma. La scelta di campo in controtendenza rispetto alla maggioranza dei suoi colleghi è quella di rendere protagonista il colore non come mezzo, ma come messaggio, non come fatto casuale, ma come attore principale della scena.

 

Il percorso espositivo, suddiviso in 4 sezioni, si apre con People, che documenta la sua ricerca sui “paesaggi umani”.

In Paesaggi urbani, la mostra esplora scenari e oggetti còlti da una prospettiva particolare. In questo caso, sono edifici, scorci cittadini o metropolitani, dettagli come graffiti, palme, elementi decorativi ad attrarre l’attenzione di Fontana e prosegue con la sezione Asfalti nella quale l’artista emiliano dà forma a un nuovo paesaggio, quello delle autostrade e delle superfici asfaltate che le caratterizzano. Diventano quindi protagonisti gli orizzonti così come i loro complementi, siano essi segnali stradali, linee di verniciatura o fessure sulla strada.

La rassegna si completa con Paesaggi che documenta l’indagine di Fondana sul paesaggio naturale, dove le immagini, catturate durante i suoi viaggi intorno al mondo, si caratterizzano per l’intenso contrasto tra colori e geometrie composte sulla luce dove Fontana crea un effetto straniante, al punto che chi guarda queste immagini fatica a capire se si tratti di una fotografia o di un dipinto.

A conclusione della mostra una video intervista al fotografo prodotta da Studio Fontana consentirà una miglior conoscenza dell’uomo e dell’artista Franco Fontana.

 

Accompagna la mostra un ricco catalogo Skira Arte per Fondazione Brescia Musei, con un’introduzione di Nicolas Ballario e un testo di Caterina Mestrovich.

Questo sito utilizza cookie tecnici. Utilizzando il sito ne accetti l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi