MAURIZIO GALIMBERTI Brescia, Piazza Loggia 1974

Info e download

Informazioni

MAURIZIO GALIMBERTI

Brescia, Piazza Loggia 1974

A cura di Renato Corsini

Brescia, Museo di Santa Giulia (via dei Musei 81/b)

8 marzo – 28 luglio 2024

 

Orari

8 marzo – 31 maggio: martedì – domenica, 10 – 18 (ultimo ingresso ore 17.15)

1 giugno – 30 settembre: martedì – domenica, 10 – 19 (ultimo ingresso ore 18.15)

aperto 1° aprile 2024: lunedì dell’Angelo (Pasquetta)

 

Dal 9 marzo

La mostra è visitabile acquistando il biglietto Brescia Photo Festival-Santa Giulia, che include anche la mostra Franco Fontana. Colore.

Intero: 12€

Ridotto: 9€

Speciale (under 26, disabili fino al 67%) e Gruppi: 8€

Scuole: 6€

Prevendita: 1€

 

In alternativa, la mostra può essere visitata anche acquistando il biglietto Museo Unesco, che permette di visitare anche Brixia. Parco archeologico di Brescia romana e il Museo di Santa Giulia.

Intero: 15€

Ridotto: 12€

Speciale (under 26, disabili fino al 67%): 8€

Gruppi: 10 €

 

Scuole: 4€

Prevendita: 1€

 

Biglietti acquistabili online al sito www.ticketlandia.com

 

Catalogo

Skira Arte

 

Informazioni e prenotazioni:

Fondazione Brescia Musei

tel. 030.2977833 – 834 | cup@bresciamusei.com

Ufficio stampa

Ufficio stampa Brescia Photo Festival VII Edizione

CLP Relazioni Pubbliche

Clara Cervia

T. +39 02 36 755 700

clara.cervia@clp1968.it

 

Ufficio stampa

Fondazione Brescia Musei

Francesca Raimondi

T. +39 331 8039611

raimondi@bresciamusei.com

 

Ufficio stampa

Comune di Brescia

Rossella Prestini

T. +39 338 894 8668

r.prestini@comune.brescia.it

08.03.2024 28.07.2024

Brescia, Museo di Santa Giulia

A cinquant’anni dalla strage di piazza della Loggia, Maurizio Galimberti racconta quei tragici fatti, scomponendo le fotografie e le testimonianze originali dell’epoca e ricomponendole attraverso la sua cifra tecnica più caratteristica, il fotocollage e la polaroid.

Sono passati cinquant’anni dalla strage di piazza della Loggia a Brescia.

Il 28 maggio 1974, durante una manifestazione contro il terrorismo neofascista, un ordigno, posizionato all’interno di un cestino portarifiuti, deflagrò provocando la morte di otto persone e ferendone altre centodue.

 

In occasione del cinquantenario della strage, il Museo di Santa Giulia a Brescia ospita, dall’8 marzo al 28 luglio 2024, la mostra di Maurizio Galimberti, dal titolo Brescia, Piazza Loggia 1974, promossa dalla Fondazione Brescia Musei e curata da Renato Corsini, da un’idea di Paolo Lodovici e Maurizio Galimberti.

 

L’esposizione, che ha beneficiato della collaborazione con Casa della Memoria di Brescia nella ricerca di alcune fonti iconografiche e della collaborazione di molti fotografi che hanno messo a disposizione i propri scatti, è uno degli appuntamenti della VII edizione del Brescia Photo Festival, promosso da Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con il Ma.Co.f – Centro della Fotografia Italiana, quest’anno declinato attorno al titolo Testimoni, un termine che sottolinea la capacità dei fotografi di documentare il presente favorendo la lettura della storia attraverso il racconto che ne fanno le immagini.

 

La rassegna trae spunto da alcune delle sedici fotografie che lo stesso Renato Corsini riuscì a realizzare in piazza della Loggia pochi minuti dopo l’esplosione della bomba quando, accorrendo sul luogo dell’attentato, incontrò un collega fotografo che, sconvolto per quanto aveva visto, gli lasciò la sua macchina fotografica nella quale erano rimasti solo sedici scatti.

Il valore storico e documentale di queste immagini, alle quali si sono aggiunti manifesti, carte d’identità, articoli di giornale, disegni di bambini, è stato sottoposto a un processo di scomposizione e ricomposizione, tipico della cifra tecnica più caratteristica di Galimberti

 

Il risultato è una installazione di 40 fotocollage di grande formato alle quali si aggiungono sei Polaroid 50×60, ottenute attraverso la trasposizione dell’immagine su lastra e sviluppo a strappo da negativo.

Galimberti crea in questo modo un nuovo racconto dove tutti gli elementi che compongono le sue opere sono messi in evidenza, al fine di restituire al visitatore un nuovo e diverso tono di drammaticità ai fatti documentati e stimolare inediti spunti di riflessione.

 

Maurizio Galimberti riesce a musealizzare quelle fotografie e, senza minimamente alterarne la sostanza, le trasforma in un percorso creativo del proprio pensiero se l’iconografia della strage di piazza della Loggia a Brescia tornerà a vivere con rinnovata attenzione, una parte di merito sarà anche da attribuire a Galimberti, capace di proporre un linguaggio della fotografia autoriale che si nutre di ricerche e di sperimentazioni partendo da lontano, rifiutando casuali improvvisazioni e confermando una profonda conoscenza del mezzo, delle sue potenzialità e del suo grande valore comunicativo.

Renato Corsini, Curatore

 

Dopo la proficua collaborazione in occasione di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura Abbonamento Musei si conferma ancora una volta al fianco di Fondazione Brescia Musei per la promozione della mostra Maurizio Galimberti. Brescia, Piazza Loggia 1974, nell’ambito della VII edizione del Brescia Photofestival. Questa sinergia sottolinea ancora una volta la mission comune di Abbonamento Musei e della Fondazione, volta a fare della visita ai musei e alle mostre un valore da coltivare quotidianamente e, allo stesso tempo, a rinsaldare la relazione tra le persone e i luoghi di cultura.

Simona Ricci, Direttrice Associazione Abbonamento Musei

La mostra sarà visitabile gratuitamente per tutti i visitatori il primo giorno di apertura, venerdì 8 marzo.

Il 26 maggio, in occasione del cinquantenario della strage di Piazza Loggia Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con l’Associazione In cerca d’autore, ha organizzato tre percorsi speciali per visitare la mostra: Pioveva quella mattina, il ricordo di chi c’era, lo sforzo di chi ha provato a raccontarlo, il dolore di chi è sopravvissuto, la tenacia di chi non si è arreso alla pioggia, alla violenza, al silenzio. Un ritratto di chi è rimasto per sempre in quella piazza.

 

Catalogo Skira Arte.

 

Note biografiche

Maurizio Galimberti (Como, 1956) è attivo sulla scena artistica internazionale da più di trent’anni; è conosciuto in tutto il mondo, oltre che per la caratteristica poetica dei suoi progetti, anche per i ritratti di star come Lady Gaga, Robert De Niro, Johnny Depp e Umberto Eco e per aver realizzato pubblicazioni e mostre site specific su New York, Parigi, Milano, Roma e Venezia. È stato testimonial mondiale di Polaroid International e oggi è considerato dalla critica più un instant artist che non esclusivamente un fotografo.

Questo sito utilizza cookie tecnici. Utilizzando il sito ne accetti l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi