PHOTOLUX LUCCA: Tutte le novità!

Info e download

Informazioni

L’INIZIO DEL FUTURO

RACCONTI DELLA PANDEMIA

Lucca, Villa Bottini (via Elisa 9)

28 maggio – 29 agosto 2021

 

Orari: dal venerdì alla domenica, dalle 10 alle 19.

 

Informazioni: +39 0583 53003,

 

Sito internet: www.photoluxfestival.it

Ufficio stampa

Ufficio stampa locale

Clip Comunicare

Nadia Davini | tel. 0583.1553512 | n.davini@clipcomunicare.it | www.clipcomunicare.it

 

Ufficio stampa nazionale

CLP Relazioni Pubbliche

Anna Defrancesco | tel. 02.36755700 | anna@clp1968.it | www.clp1968.it

2021-2022

Lucca

UN’ESTATE DI FOTOGRAFIA A VILLA BOTTINI

DAL 28 MAGGIO AL 29 AGOSTO 2021

LE MOSTRE

L’INIZIO DEL FUTURO E RACCONTI DELLA PANDEMIA

 

DEFINITE LE DATE DELLA BIENNALE 2022:

28 MAGGIO – 19 GIUGNO 2022

IL TEMA SCELTO È L’AMORE

Un 2021 di novità quello che caratterizza Photolux Festival, la biennale internazionale di fotografia. Nonostante le difficoltà del periodo e qualche necessario, quanto doloroso, rinvio, le mostre previste per novembre 2020 saranno ospitate in due tranche a Villa Bottini a partire da questa primavera.

Una riprogrammazione necessaria, visto lo stop alle mostre contenuto nel decreto del novembre scorso, che porterà – dal 28 maggio al 29 agosto – nei suggestivi spazi di Villa Bottini, la collettivaL’inizio del futuro”. L’esposizione, curata da Giulia Ticozzi e Arcipelago-19, con un’installazione audiovisiva di Cesura, ripercorre le diverse fasi della pandemia, così come sono state e sono vissute in Italia, attraverso il racconto inedito di fotografi freelance.

Il percorso si completa con la mostra “Racconti della Pandemia”, curata da Enrico Stefanelli e Chiara Ruberti. La mostra presenta una selezione dei materiali del fondo Covid-19 dell’Archivio Fotografico Lucchese “A. Fazzi”, relativa all’emergenza sanitaria nel territorio lucchese, raccontata attraverso immagini e filmati di autori, non necessariamente professionisti, che vivono e lavorano a Lucca e provincia.

Ma l’impegno di Photolux non si ferma al 2021 e guarda già oltre, precisamente alla primavera del 2022. Sono infatti state ufficializzate le date della biennale internazionale, che dal 28 maggio al 19 giugno 2022, accoglierà i visitatori lungo il filo di un tema coinvolgente ed eterno: l’amore.

“Eros – commenta il direttore artistico, Enrico Stefanelli – è nella cultura greca il “desiderio”, ciò che fa muovere verso qualcosa, il principio divino che spinge verso la bellezza. Molte altre sono però le declinazioni del sentimento amoroso; la fotografia può aiutarci a ricostruire il sottotesto della narrazione convenzionale e domestica dell’amore. Può esplorarne quegli aspetti che il linguaggio verbale, per pudore o per inadeguatezza, non riesce a delineare. Può svelare livelli di lettura ulteriori, aprire scenari inediti. Disegnare una nuova geografia emotiva delle relazioni, dei sentimenti, dei desideri. Poter parlare di amore in un periodo così difficile rappresenta, insieme alla possibilità stessa di organizzare il festival, una netta vittoria. Gli sforzi compiuti in questi mesi per riorganizzare il festival sono stati enormi e, ci auguriamo, saranno ripagati dalla soddisfazione di poter tornare ad ammirare le nostre mostre nei prossimi appuntamenti”.

 

Un anno di grandi lavori, dunque, nonostante le difficoltà e gli inevitabili ostacoli. Un anno che ha portato una nuova squadra all’interno della direzione artistica di Photolux.

È entrata nel team del festival Rica Cerbarano, curatrice e coordinatrice di progetti legati alla fotografia e alla comunicazione visiva. Dal 2016 è exhibition manager di Cortona On The Move e project assistant di Photo Vogue Festival. Scrive di fotografia per Vogue.it e collabora come exhibition designer con festival, istituzioni e organizzazioni non profit.

Anche Francesco Colombelli è una new entry per il festival lucchese. Colombelli dal 2012 collabora con i principali festival e istituzioni culturali in Italia per la progettazione di allestimenti e mostre fotografiche. È assistente alla direzione artistica dell’Atelier dell’Errore e insegnante a Spazio Labo’.

Entrambi, nel 2017, hanno fondato Kublaiklan, un collettivo che esplora modalità diffuse di interazione con la fotografia e di riflessione sull’immagine contemporanea attraverso progetti curatoriali, educativi ed editoriali.

Una conferma, invece, per Chiara Ruberti, già coordinatrice del festival. Di formazione storica dell’arte, Ruberti ha lavorato dal 2007 al 2014 per la Fondazione Alinari (Firenze) prima come assistente del direttore scientifico per i progetti espositivi poi come coordinatore dei progetti editoriali. Dal 2014 è il coordinatore del Photolux Festival (Lucca). Come curatore ha lavorato in contesti indipendenti e collaborato con istituzioni quali Fondazione Fotografia (Modena), il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci (Prato), Dryphoto arte contemporanea (Prato) e Fondazione Studio Marangoni (Firenze). Nel 2018 ha partecipato alla fondazione di Photolux Magazine, del quale è anche membro di redazione e contributor.

 

Questo lungo periodo pandemico è stato solo apparentemente di forzata inattività: Photolux ha infatti concluso la catalogazione degli oltre duemila volumi contenuti nella biblioteca ospitata nella sede dell’Associazione in via Guidiccioni 188 e ha inoltre compiuto importanti investimenti per nuove acquisizioni, con l’obiettivo di sostenere gli autori, i fotografi e l’editoria specializzata, tutti settori fortemente penalizzati dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria. La biblioteca ha anche ricevuto molte donazioni da privati cittadini e chiunque voglia frequentarla o anche solo visitarla può farlo in assoluta sicurezza: la biblioteca è infatti aperta al pubblico su appuntamento. Per prenotare scrivere a info@photoluxfestival.it

Questo sito utilizza cookie tecnici. Utilizzando il sito ne accetti l'utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi